Servizio Specializzato Ausiliario per
lingue ITA ENG

LOTTO UNICO SCAFFALATURE E RIMANENZE MAGAZZINO EDILE

Prezzo base€ 12.685,80

Senza incanto
Scheda aggiornata il 11.09.2017
alle ore 16:31

Per ulteriori informazioni contattare la Curatrice francescabaccani@libero.it

CURATELA FALLIMENTO C.E.C. SRL CENTRO EDILE CASENTINESE

BANDO DI GARA SENZA INCANTO

Il sottoscritto Avv. Francesca Baccani, quale Curatore fallimentare della C.E.C. S.R.L. CENTRO EDILE CASENTINESE, con sede in Ponte a Poppi (Ar), Via Aretina, n. 26 (Cod. fisc. – 01240090512), avvisa che in data 20.11.2018, alle ore 16:00, presso lo studio del Curatore in Arezzo, Via Calamandrei, n. 54, si procederà alla vendita senza incanto, in unico lotto, a corpo e nello stato di diritto e di fatto in cui si trovano, al prezzo base di euro 12.685,80, dei beni mobili costituiti da mobilia da ufficio, rimanenze di magazzino (utensileria, articoli di ferramenta, di falegnameria, vernici, materiali per l’edilizia, arredi bagno, ecc.) e che si trovano presso i locali della società fallita posti in Ponte a Poppi (Ar), via Aretina, n. 26, e in via Trento, n. 30, e che potranno essere visionati dai soggetti interessati, previo appuntamento con il sottoscritto Curatore ai recapiti sotto indicati, nelle giornate del 31.10.2018 e del 06.11.2018, dalle ore 15:00 alle ore 16:00.
Detto lotto comprende, sostanzialmente, mobilia da ufficio, scaffalature e beni obsoleti e disassortiti quali piccoli elettroutensili (quali ad esempio stufe elettriche, smerigliatrici, termoventilatori, carrelli elevatori, bilancia da pavimento, ecc.), articoli di ferramenta (a titolo esemplificativo, viterie e bulloneria, vernici ecc.) attrezzature specifiche per la falegnameria ed edilizia, articoli per la casa come pali tenda ed relativi accessori, trattamenti per i pavimenti, feltrini ecc; prodotti ed arredi da bagno comprensivi anche dei diversi accessori; rimanenze di mattonelle o sanitari accumulatisi nel tempo, rivestimenti di gres porcellanato e cotto, ecc. Il tutto come da elenco e foto che verranno fornite tramite specifica richiesta, da inoltrarsi a mezzo mail, da parte dei soggetti interessati.

Le offerte dovranno essere redatte in lingua italiana e presentate in busta chiusa presso l’indirizzo sopra richiamato entro le ore 18:00 del giorno 19.11.2018 e potranno essere presentate personalmente o a mezzo di mandatario munito di procura speciale. Le offerte pervenute oltre tale termine non saranno prese in esame. Sulla busta dovrà essere indicato esclusivamente il nome, il cognome, la ragione/denominazione sociale di chi deposita materialmente l’offerta, il numero del Fallimento (n. 31/2016 R.F del Tribunale di Arezzo) e la data della vendita.
La busta dovrà contenere, oltre all’offerta non inferiore ad un importo di Euro 12.685,80, oltre iva per quanto dovuta, assegno circolare non trasferibile, intestato alla procedura in oggetto a titolo di cauzione pari al 20% della somma offerta che, in caso di aggiudicazione, sarà acquisito come acconto prezzo.
In caso di mancata aggiudicazione, l’assegno in questione sarà immediatamente riconsegnato all’offerente.
I beni costituenti il lotto di cui sopra sono venduti nello stato di fatto e di diritto nel quale si trovano con la conseguenza che l’aggiudicatario non potrà sollevare eccezione alcuna, anche con riguardo alla consistenza stessa del lotto, né tantomeno richiedere qualsivoglia risarcimento o indennità; tutte le spese, imposte, tasse o qualsivoglia onere, nulla escluso, saranno a carico dell’aggiudicatario, così come quelle di ritiro dei predetti beni.
In caso di più offerte si procederà, immediatamente dopo l’apertura delle buste, a gara informale per l’aggiudicazione al maggior offerente con rialzi minimi di € 500,00 (euro cinquecento/oo).
Il pagamento del prezzo, dedotto quanto versato a titolo di cauzione, dovrà avvenire, per valuta, entro 5 giorni dall’aggiudicazione a mezzo bonifico nel c/c intestato alla procedura e aperto presso la Banca Valdichiana, Agenzia di Arezzo, via Petrarca.
Entro il successivo termine di 10 giorni dal pagamento predetto l’aggiudicatario dovrà provvedere a sua cura e spese a ritirare i beni oggetto della cessione.
Il mancato pagamento del prezzo entro il termine perentorio indicato comporta la decadenza dall’aggiudicazione e la perdita della cauzione.
Il ritiro dei beni, fermo restando quanto sopra in ordine al pagamento del prezzo, potrà avvenire anche frazionatamente, nei termini e con le modalità poi indicate dalla Curatela, e comunque dovrà essere completato entro e non oltre il termine dei 10 (dieci) giorni successivi al pagamento, termine da considerarsi inderogabile e perentorio pena la decadenza dall’aggiudicazione e la perdita della cauzione, salvo il maggior danno.
Eventuali ulteriori informazioni sui beni oggetto di vendita potranno essere richieste direttamente al Curatore al seguente indirizzo di posta elettronica: francescabaccani@libero.it
Il presente bando di vendita non integra offerta al pubblico ex art. 1336 c.c., né a qualsiasi titolo, la maturazione di mediazioni ed eventuali oneri di consulenza.

Allegati